About

Organizziamo percorsi artistici interdisciplinari per far emergere il potenziale creativo in ogni persona
nascita

2019

Il Bianconiglio nasce come Laboratorio di Scrittura Creativa, nel 2019, a Pisa. I primi incontri si svolgono al Cinema Lanteri. Con la collaborazione del Cantiere San Bernardo, iniziano le prime ibridazioni fra Scrittura e Teatro. 

Nel settembre 2019 il progetto sposta il baricentro su Bologna, in Via della Ghisiliera, in uno spazio creativo condiviso con sarti, conciatori e restauratori. Ad ottobre prende forma il primo Laboratorio di Disegno Creativo. A novembre vengono organizzati Workshop di Poetry Slam, teatro, fumetto e scrittura fantasy.

A dicembre organizziamo al MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna il primo RAID (Raduno Artistico InterDisciplinare), evento nel quale i gruppi di Scrittura Creativa e di Disegno Creativo lavorano insieme. 

A gennaio del 2020 il Bianconiglio diventa Laboratorio Creativo. Le attività si spostano nel più ampio spazio di via Cesare Battisti, sempre a Bologna, con nuovi percorsi e laboratori interdisciplinari.

annus horribilis

2020

Da marzo del 2020 tutte le nostre attività in presenza si interrompono. Convertiamo una parte dei nostri Laboratori in incontri online, in videoconferenza, fino a giugno. 

Durante l’estate il drastico calo dei contagi ci fa sperare in una possibile ripresa delle attività in presenza. In realtà, nonostante i dati dei nuovi contagi siano molto bassi, decidiamo di programmare tutte le attività, fino a fine anno, ancora online. I numeri di settembre, purtroppo, ci danno ragione. 

l’ora del tè

2021

Il 2021 inizia con la partenza di nuove attività online. Tutte le attività dal vivo rimangono sospese. Nei primi mesi di quest’anno, dalla collaborazione fra i nostri Laboratori di Narrativa e di Disegno Creativo, nasce l’idea di un libro illustrato, pubblicato a maggio. 

 

A giugno organizziamo a Bologna la presentazione del nostro libro, “L’ora del tè“. L’evento è la prima occasione per rivederci dopo molti mesi distanti. Il libro raggiunge l’interesse di BolognaToday e dell’Università di Bologna